Be the change.
  • English

I 5 buoni motivi per scegliere un computer ricondizionato

I prodotti informatici ricondizionati e rigenerati rappresentano il business core di Green Idea Technologies e nel nostro blog abbiamo trattato l’argomento sotto molteplici punti di vista (quiqui anche qui).
Dall’aggiunta di una nuova postazione di lavoro all’aggiornamento di un sistema ormai obsoleto, le aziende hanno molti motivi per acquistare un nuovo computer. Ma come fare a risparmiare senza rinunciare alla qualità? Computer portatili e desktop ricondizionati possono essere un’ottima alternativa ai prodotti nuovi.
Ecco a voi 5 buoni motivi per scegliere un computerricondizionato!

1. Con un prodotto ricondizionato si risparmia.
A tutti piace risparmiare e i computer ricondizionati permettono di avere ottime performances a prezzi molto inferiori rispetto allo stesso prodotto nuovo di zecca.
Sean Nicholson, responsabile mondiale dei programmi di riparazione Microsoft, dice che ci sono molti in casi in cui il ricondizionato è addirittura preferibile al nuovo: ad esempio, scuole e organizzazioni senza scopo di lucro potrebbero risparmiare significativamente optando per questa soluzione. Negli USA scuole e enti governativi hanno l’obbligo di affidarsi ai prodotti refurb.
Un prodotto ricondizionato costa dal 20 al 60% in meno rispetto al prezzo originale.

2. Con i prodotti ricondizionati sono incluse le licenze software.
Windows XP non è più supportato da Microsoft: molte organizzazioni, così, si sono trovate ad affrontare la scomoda situazione di dover aggiornare il sistema operativo dei propri computer, oppure, più semplicemente, a seguito di esposizione a hacker e virus hanno la necessità di comprare le licenze di Windows 7 o 8.1.
Ma invece di pagare per un nuovo sistema operativo, può essere più intelligente spendere soldi per un sistema completamente nuovo che verrà fornito con un sistema operativo corrente.
Comprando un prodotto ricondizionato si ha la certezza di aver installato sul proprio dispositivo il sistema operativo più aggiornato.

3. Sei sicuro di aver bisogno dell’ultimo computer uscito sul mercato?
Solo perché si ha bisogno di un nuovo computer, ciò non significa che si abbia bisogno del sistema più veloce e all’avanguardia disponibile. Secondo Tom Drew, proprietario di Eugene, con sede nella ATW Manufacturing Company, non tutti hanno bisogno della velocità o della potenza dei computer top di gamma. “Se tutto quello che stai facendo è inviare email e navigare sul web, non hai bisogno di molta potenza di fuoco”, dice. “Vendono questi computer Intel i7 da 16 gigabyte di RAM per 800, 900 dollari, e usare uno di quelli per navigare sul web è come lanciare un dispositivo termonucleare al volo”.
Drew dice che fino a poco tempo fa la sua azienda utilizzava ancora le macchine Pentium 4 per eseguire programmi di progettazione AutoCAD. Ma riconosce che se stai cercando di fare qualcosa di estensivo per la grafica e il processore, come il video editing, i sistemi ricondizionati potrebbero non avere abbastanza potenza di calcolo, anche se Apple offre ottime macchine ricondizionate all’interno del suo store.

4. Non hai bisogno di un computer potentissimo per svolgere mansioni semplici.
E se i videomaker potrebbero non essere soddisfatti dall’acquisto di un computer ricondizionato, i cosiddetti “knowledge worker”, come i contabili, gli analisti di dati e i nuovi lavoratori del web 2.0 sono utenti che rimarranno sicuramente felici delle prestazioni di un computer refurb.
“Quando ti stai spostando verso sistemi in cui il vero investimento è nel Cloud – è lì che stai immagazzinando e facendo cose – avere un dispositivo ricondizionato e risparmiare denaro è solo una grande opportunità”, dice Nicholson.

5. Vuoi fare una scelta etica ed ecosostenibile.
Qualche scettico ha ancora dubbi sul fatto che i computer ricondizionati siano più eco-sostenibili dei nuovi computer, ma guardando ai fatti, è impossibile non cambiare idea: anche se i computer più recenti usano meno energia per funzionare, è necessaria molta più energia (e materie prime) per costruirne uno nuovo. Inoltre, il recupero di un vecchio computer e delle sue componenti evita che finiscano in discarica a inquinare le falde acquifere a causa dei materiali pericolosi in esso contenute. Inoltre, all’interno dei computer ci sono metalli preziosi e materiali rari che possono essere riutilizzati.
Gli studi di Green Idea Technologies sul LCA (Life Cycle Assessment) dimostrano che con un prodotto ricondizionato è possibile risparmiare fino al 60% delle emissioni di CO2e di un prodotto nuovo.

B the Change. Il futuro è Circolare.

Per approfondire: